Vai al contenuto
Spleen21

Accoppiamento interspecifico?

Recommended Posts

Concordo sul dire che "tutto potrebbe".

Infatti, come esistono individui di specie con grandi areali che, se non provenienti dalla stessa zona specifica, non si riconoscono nel corteggiamento, o fanno i difficili, allo stesso modo esistono individui di specie che si accoppiano tranquillamente anche se provenienti da zone lontane. Il perché sarebbe sempre da indagare, peccato che non sia cosi semplice. Ecco quindi che non si può scartare come ipotesi questa problematica, ne considerarla certa (anche se a mio vedere è probabile).

 

Un esempio nostrano l'ho notato con le Lycosa e sto cercando di studiarlo più approfonditamente.

Le popolazioni montane che ho scoperto ormai da qualche anno sembrano del tutto isolate, e da tanto, rispetto alle popolazioni "costiere". Differiscono un po in colorazione, stagionalità, ma i genitali e anche le analisi genetiche ci dicono che presumibilmente sono la stessa specie.

Eppure ho notato che non si accoppiano tra loro. Non ho conclusioni da fornire, essendo che servirebbero numerosissime osservazioni per trarne, se non apprezzare chi tra voi dimostra e dimostrerà sempre senso critico e passione per l'approfondimento. La superficialità (tempertatura e umidità, torba passata in forno) e una cosa che anche i bambini sanno perseguire.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il lato oscuro della diffusione della passione per gli aracnidi... Purtroppo quando si entra in un mercato sempre più vasto il rischio che l'animale venga visto solo come "morph" da collezione aumenta, e gli ibridi più o meno intenzionali in quest'ottica sono solo belle (!!!) novità da vendere, con una sonora pernacchia a tutti quei biologi che cercano di capire cosa sia realmente una "specie"...

E si perde di vista la parte più affascinante di queste bestie... Meno male che c'è Aracnofilia... :P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie a tutti ragazzi!! :wub:

E' una questione interessantissima, più mi immergo in questo mondo e più mi rendo conto di quanto sia vasto e affascinante!! :wub:

 

Nello scenario generale dell'allevamento non vedo molte riflessioni di questo tipo… Anzi… :ph34r:

 

Però mi ci metto anche io come esempio, che da neofita ho acquistato una A. seemanni: mi sono preparata anzitutto per riconoscerla, poi volevo che fosse di 1,5 cm massimo e che non fosse un cocoon di cattura… Ovviamente un'idea dell'areale ce l'avevo, ho chiesto se fosse una riproduzione di cattività e mi è stato detto di si, e mi devo fidare; ma adesso che guardo lo scatolino e leggo "Costa Rica e Texas", ovvero "origini = qualsiasi", un giorno me lo chiederò eccome se sia il caso o meno di riprodurla… Perché non voglio drammatizzare ma è una bella responsabilità!

 

Un' altra cosa inquietante è che le riproduzioni di ibridi vengono fatte solo in funzione dei colori… E certo non sono riferite ad attitudini o comportamenti. Un po' come i tulipani, per dire… E' vero che non sono animali addomesticabili, ma neanche piante ornamentali!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Temo che se qualcuno mai provasse ad incrociare una Brachypelma smithi e una B. emilia sperando di miscelare positivamente attitudini e comportamenti...... beh, rimarrebbe deluso nell'ottenere comunque dei ragni vitali come antiche pietre!! :D :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ehi cosa avete contro i "grossi ferma carte messicani" cit. ?! :D :D

Le attitudini e i comportamenti di un fossile non vanno sottovalutate così :P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

"grossi ferma carte messicani" cit. ?! :D :D

 

LOL :P :P :P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Chiedevo a voi poiché vi reputo esperti e magari vi eravate già imbattuti in casi simili, ma per fortuna no 😂😂😂 solo gli americani fanno queste porcate..... Comunque è capitato anche qua una volta è una mia amica ha acquistato una G rosea X porteri... Magari tra 40/50 anni si vedrà se può riprodursi 😂😂😂😂

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Diciamo che quella riproduzione è stato un errore di gioventù e conoscendo l'allevatore so che è pentito di quella esperienza. Però vedi è la prova che, anche se involontariamente e senza malizia, se una riproduzione non viene fatta in maniera critica (specialmente per specie dubbie) rischia di essere un pericolo per il futuro.

La non conoscenza non è una scusa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Comunque anche in Italia si provano di continuo accoppiamenti tra specie diverse (a volte anche generi). Io conosco personalmente gente che vanta di averlo fatto o che ancora lo fa. La mia unica speranza al riguardo è che questi scempi non vadano mai a buon fine.

 

Se poi si considera che la tassonomia è in continua evoluzione siamo spacciati.

Detto questo, come dice Mac, la non documentazione non è una scusa

 

:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi accodo a Gabri.... nulla da dire ma mi sale un odio mostruoso... senza coscienza e senza conoscenza le uniche coppie che mi vengono in mente sono quelle delle tessere del memory...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Avete pienamente ragione, concordo con voi, non ci si capirebbe più nulla.

Cose simili sono capitate con le blatte, e ora in commercio si trovano più ibridi che specie "pure".

Questi idioti non capiscono che i loro errori si possono ripercuotere negativamente in futuro :angry:

Sono nel 99% dei casi ragazzi che pensano di creare, che so, un "mostro colossale" o un "gioiellino vivente", ma è soltanto un qualcosa per vantarsi.

Per esempio immaginate se vedete una tarantola un po' strana su un bancone in fiera, vi avvicinate e vedete che ci sono i nomi di una specie X ibridata con un'altra specie Y.

Chiedete al negoziante di quell'animale, che magari ha un prezzo esagerato, e orgoglioso vi dice che è il risultato di un suo esperimento, che è un gioiellino, che ne è fiero ed orgoglioso....

E si aspetta che gli facciate i complimenti!

Per me le specie devono rimanere "quello che sono", e non essere "confuse".

Ciao, Reptilia :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 

Ciao Beppe. Per favore utilizza la corretta formattazione per indicare generi e specie, come ben spiegato qui http://forum.aracnofilia.org/topic/11701-guida-scrittura-dei-nomi-scientifici-importante/

Grazie ;)

Non riesco a fare il corsivo con il cell

 

 

Magari prova a leggere meglio le guide.

 

 

Oggigiorno sempre piu utenti scrivono da tablet, smartphone e terminali vari. In questi spesso non compaiono i bottoni di formattazione testo nell'editor completo.
Come inserire il corsivo quindi e superare la difficoltà?
Basterà aggiungere i seguenti tag prima e dopo la parola da rendere corsiva.
[ i ] Hogna radiata [ /i ] = Hogna radiata

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×

Informazioni importanti

Utilizzando questo sito, acconsenti ai nostri Terms of Use.