Jump to content

Sant'Elia Fiumerapido (FR) - Macrothele calpeiana


Recommended Posts

Ciao ragazzi sono nuovo, faccio parte di questo forum perchè ho trovato un ragno strano dalle mie zone che non ho mai visto!!

Ho trovato questo ragno nel secchio dove ho la roba per lavare la mia auto (vicino la piscina),nel secchio c'era un po d'acqua e ho trovato questo mega ragno affogato.

Sapete darmi qualche informazione piu' dettagliate?..magari il nome, se sono presenti molti nella mia zona, se ne trovero' altri (speriamo di no) e soprattutto se è innocuo oppure no??!!!..

 

DATA : 01-07-2010

LUOGO: Sant'Elia Fiumerapido - FR - LAZIO

POS. E MICROHABITAT : Campagna, vicino la piscina

MISURE : indicate sulla foto

 

p.s. : Ho allegato la foto con le rispettive misure

 

http://img19.imageshack.us/slideshow/webpl...id=dsc0419q.jpg

 

 

Aspetto le vostre risp

Ciao Ciao

 

IVAN

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 31
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Ciao Ivan.

 

L'esemplare che hai trovato è un maschio adulto di Macrothele sp. (probabilmente Macrothele calpeiana). Un Hexathelidae. Le filiere e la dimensione la dicono lunga.

 

Questa specie, il cui veleno ha una certa rilevanza medica, non è autoctona del nostro paese ma viene accidentalmente importata dalla Spagna per mezzo degli olivi ornamentali. Nella tua zona c'è qualche vivaio, froricultore, o qualcuno ha rifatto da poco il giardino piantando degli alberi da vivaio?

 

Comunque sia le segnalazioni negli ultimi anni sono state diverse ma non si è mai dimostrato che questi animali riescano ad ambientarsi e proliferare. (Anche se io penso che possano farlo tranquillamente nel sud Italia). Sicuramente il tuo ritrovamento è stato un caso e non dovresti piu incontrare questi brutti ceffi.

Qui una precedente segnalazione, ma al nord http://forum.aracnofilia.org/index.php?sho...c=11066&hl=

 

Vista l'importanza del ritrovamento, se hai conservato l'esemplare, ci piacerebbe determinarlo allo stereoscopio e fare qualche bella foto. Ti contatto in privato. :nono:

Link to comment
Share on other sites

Guarda un po' chi è stato rinvenuto... :nono:

 

Sicuramente Macrothele sp., ma anch'io mi trovo d'accordo nel sostenere si tratti di Macrothele calpeiana

Link to comment
Share on other sites

E penso che la vostra risposta sia per me molto soddisfacente ..e lo sapete perchè??..vicino la piscina ho piantato una pianta secolare di ulivo proveniente dalla spagna!!!...e 2+2 fa quattro!! ..La pianta sta li da 8 - 9 mesi pero' la piscina era in costruzione e non c'era l'acqua ..attratto dall'acqua avra' trovato il mio secchio e poi è morto affogato.

 

 

Eppure ragazzi questa specie secondo me si adatta bene al nostro clima, passando 9 mesi e uscendo adesso quindi doveva morire prima se non di adattava o no?

Link to comment
Share on other sites

Gran bella specie, complimenti per il ritrovamento :nono:

Come ti è stato detto non è certo innocuo ma resta un gran bel ragno che, seppur stabilitosi in alcune zone dell' alta Italia, rimane ancora relativamente difficile da avvistare .

 

Doppi complimenti dunque :054:

 

EDIT : leggo ora il tuo messaggio . Si, si, si adatta . In alcune regioni del Nord Italia si è stabilita. E se è riuscita a resistere al Nord, possiamo pensare che ci siano esemplari anche al Sud .

Link to comment
Share on other sites

Dal punto di vista climatico, stando ai rilevamenti termoigrometrici presi in zone popolate da M.calpeiana, non dovrebbero esserci eccessive differenze con il clima mediterraneo, soprattutto al sud italia. Ma non si possono escludere altri ostacoli di natura ecologica.

 

Questi animali si costruiscono la tana cunicolare nel terreno tra le radici degli olivi e li rimangono. Le femmine e i subadulti infatti sono molto legati al loro riparo e ne escono in parte solo per cacciare. Quindi con molta probabilità il tuo esemplare, non ancora maturo, è rimasto questi mesi nella sua tana. Poi però è maturato, è diventato adulto, e quindi ha abbandonato la tana per cercare una femmina. Ma ha trovato un secchio... :nono:

 

seppur stabilitosi in alcune zone dell' alta Italia

In alcune regioni del Nord Italia si è stabilita.

Questo è interessante. Ne sei certo? Hai ulteriori dettagli?

Link to comment
Share on other sites

Ragazzi ho recuperato 6 figli .nel fondo della piscina stessa specie ..piu' piccoli!!!...e ci sono ancora altri cavolo!!

Quindi presumo che da qualche part c'e anche la femmina..

 

Gentilmente qualcuno che mi dica le proporzioni di alcol etilico in ML ..quanti ml di alcol e quanti di Acqua che vi spedisco tutta la famiglia!!!...e se un barattolo di vetro va bene per spedire i ragni!!

Link to comment
Share on other sites

Non è detto che quelli in piscina siano figli. Per quanto riguarda la mia esperienza le piscine son sempre piene di Gnaphosidae e Lycosidae, scuri e di struttura massiccia. Potresti sbagliarti quindi.

 

Ci sentiamo in privato per i dettagli :nono:

Link to comment
Share on other sites

Si Carlo, soprattutto al Nord mi risulta si sia proprio stabilita :nono: .

Stabilita nel senso che da alcuni adulti importati in un terreno di una determinata località , ne sono nati dei piccoli che a loro volta si sono riprodotti, rendendo, dunque, non difficile imbattersi in questa specie presso quella località :054:

 

Tutto qui, poi chiaramente non ha certo la presenza numerica di Zoropsis sp . :P

Però senza dubbio è in grado si sopravvivere anche qui da noi ;)

 

 

Ciao .

Link to comment
Share on other sites

Intendevo chiedere: le prove? Da cosa ti risulta? Perche di tutte le pubblicazioni che ho in merito a M. calpeiana, dagli anni 70 ad oggi, nessuna dice che si è stabilita in Italia nonostante alcune, le ultime in particolar modo, affermino che ne è rilevata la presenza come frutto di saltuaria importazione.

Link to comment
Share on other sites

Sarebbe interessante capire se questa specie possa diventare a tutti gli effetti alloctona per l'Italia..

Link to comment
Share on other sites

A tal proposito é stato fatto uno studio. E' stato realizzato un modello analitico che prende in considerazione tutte le caratteristiche ambientali (termoigrometriche, piovosità..) rilevate negli areali originari di M.calpeiana. Tale modello poi è stato esteso a tutto il bacino mediterraeo mettendo in evidenza una serie di areali che rispondono precisamente alle condizioni spagnole. Areali quindi colonizzabili dalla specie.

In italia però questo modello ha indicato che solo alcune aree costiere pugliesi, siciliane e calabre, ovest della sardegna e, rullo di tamburi, una piccola zona laziale rispondono ai requisiti.  ;)

Link to comment
Share on other sites

Costiere pugliesi.. Interessante! ;) :D

 

Comunque se non sbaglio non è il primo maschio che viene identificato qua sul forum.

Link to comment
Share on other sites

Non è detto che quelli in piscina siano figli. Per quanto riguarda la mia esperienza le piscine son sempre piene di Gnaphosidae e Lycosidae, scuri e di struttura massiccia. Potresti sbagliarti quindi.

 

Io invece non sono esperto ma secondo me sono proprio i figli questi....guardate le foto:

 

http://img697.imageshack.us/i/dsc0437i.jpg/

http://img693.imageshack.us/i/dsc0436yj.jpg/

http://img812.imageshack.us/i/dsc0440y.jpg/

http://img683.imageshack.us/i/dsc0435e.jpg/

 

 

Se sono i figli pensate che dovrei chiamare qualche autorità, qualche associazione ??...se ci fosse una popolazione di questi ragni ..potrebbe essere pericoloso!!Mi padre gia con uno calabrone rosso tempo fa ha rischiato la vita ..lui che allergico potrebbe essere una cosa seria questa!

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.