Jump to content

Identificazione nido di vespa (non di ragno)


AraknoShock
 Share

Recommended Posts

Salve a tutti,

ho trovato stasera sulle 5 nidiate di ragno attaccate di fianco a un letto che m'incuriosisce sapere di quale specie si tratta.

 

Data: 19 giugno 2009

Luogo: Guidonia, Roma, non proprio in campagnia.

Posizione e microhabitat: Le ho trovate su un letto che non si usa più di una volta ogni 2 settimane, e si trovavano di fianco al lenzuolo ripiegato.

Dimensioni: variabili, ma gli esemplari più grandi misurano 0,8 cm di corpo.

 

Ecco le foto: (se devo farne alcune di più dettagliate basta chiedere e le posterò domani)

1. http://img44.imageshack.us/img44/228/img0314k.jpg

2. http://img44.imageshack.us/img44/2711/img0318n.jpg

3. http://img44.imageshack.us/img44/3683/img0321r.jpg

4. http://img44.imageshack.us/img44/4152/img0323a.jpg

5. http://img44.imageshack.us/img44/9171/img0325x.jpg

6. http://img44.imageshack.us/img44/3967/img0326aaq.jpg

 

Guardando le disposizioni oculari dalle foto azzardo a dire che potrebbero essere della famiglia Salticidae, ma potrei sbagliarmi.

 

Le nidiate erano quasi tutte ancora chiuse e quando le ho aperte ho notato tutti i ragni già morti, ma nessuno di loro aveva la classica chiusura a rosa. Perchè? E perchè sono tutti morti?

 

Un'altra curiosità da come si può vedere dalla foto n.1 è che il "sacco" contenitore sembrerebbe fatto di terra... Essendo al secondo piano non riesco a capire come abbiano fatto a fare un lavoro simile! ;)

 

Vorrei anche sapere se questa scelta di nidiare in casa (e per giunta su un lenzuolo) potrebbe essere associata al fatto che tengo i contenitori del cibo vivo per le migali sul balcone, collegato con la finestra d'entrata nella stanza del ritrovamento. Potrebbe centrare qualcosa con le migali che ho nella mia camera a fianco?

 

Un'altra cosa che mi aiuterebbe è sapere la pericolosità di questa specie. Tendo ad escludere a priori che siano pericolosi ma per non creare troppe preoccupazioni in casa chiedo sempre il parere di qualcuno un po' più esperto.

 

Grazie.

Ciao. Davide

Link to comment
Share on other sites

Non vorrei dire una stracavolata......... ma quello non è un nido di vespe?? ;) :blink: Più precisamente Vespa Sceliphron, o Vespa Vasaio

Almeno, da me le vespe "di terra" fanno i nidi con il terriccio molto simili a quello e catturano i ragnetti per darli successivamente in pasto alle larve :(

 

Questo spiegherebbe perchè è al 2° piano e perchè i poveri ragnetti siano tutti morti.....

Link to comment
Share on other sites

Non è un nido di ragno, è il tipico "vaso" in cui alcune vespe solitarie inseriscono le prede paralizzate. Probabilmente è di Sceliphron o di qualche altro Sphecidae.

 

I ragni paralizzati in questo caso sono svariati ma noto soprattutto Salticidae dei generi Icius e Menemerus.

Link to comment
Share on other sites

Ciao.Non sono affatto nidiate,bensì vespai,ossia nidi di vespa.Nessun ragno creerà mai una simile struttura.Molte specie di vespa cacciano altri artropodi e soprattutto ragni,per nutrire le proprie larve carnivore;tant'è che in una delle immagini s'intravede proprio una larva al di sotto di un ragno.

 

Effettivamente son quasi tutti Salticidae , e il vespaio mi sembra quello delle vespe cartonaie.Ripeto mi sembra..

 

ciao

 

EDIT : abbiam risposto insime ;-)

Link to comment
Share on other sites

;) Incredibile! Avevo pensato all'inizio che fosse una vespa quando ho visto i "vasi", ma poi una volta aperti mi sono subito ricreduto dando per certo (anche se mi pareva un po' irreale) che fosse stato il lavoro di un ragno.

 

Ma ora i ragni rimarranno parallizzati fino al decesso o c'è un modo per rimetterli in libertà?

 

Un'altra domanda è.... Dov'è la larva della vespa? Dentro ai vasi non ho visto niente e erano chiusi.

 

Comunque grazie a voi per aver risolto il mio dilemma!! :blink:

Link to comment
Share on other sites

No, le vespe cartonaie (genere Polistes) sono vespe sociali che costruiscono nidi "cartacei" con la cellulosa ricavata dal legno e non hanno nulla a che fare con il nido in foto, costruito da una vespa solitaria con terreno argilloso.

Link to comment
Share on other sites

No, le vespe cartonaie (genere Polistes) sono vespe sociali che costruiscono nidi "cartacei" con la cellulosa ricavata dal legno e non hanno nulla a che fare con il nido in foto, costruito da una vespa solitaria con terreno argilloso.

io intendo quei vesponi che si trovano sempre nei pressi delle pozze di fango,prevalentemente nere e affusolate ma decisamente più grandi delle vespe più comuni..sono le stesse che dici te piergy?

 

tant'è che in una delle immagini s'intravede proprio una larva al di sotto di un ragno.

Mi potresti dire in quale foto aracnojak? Io non la vedo, non vorrei che ti sbagliassi con l'emolinfa di qualche ragnetto.

nella seconda,ma probabilmente in tutte.Ingrandiscila,mi sembra che vi sia una larva che sbuchi da sotto da un ragno,in coppia con un altro,con gli opistosoma quasi a contatto ..

Link to comment
Share on other sites

Hai ragione aracnojak, non avendo ancora ripulito l'ho potuta vedere proprio ora all'attaccatura dell'opistosoma del povero ragno. Grazie

 

Non ho capito una cosa sul paralizzante della vespa somministrato ai ragni se sia permanente, cioè rimarranno paralizzati per un certo periodo di tempo o si puo' dire che sono già morti? Perchè se sono già morti li posso pure buttare nel bidone ma se alcuni si riprenderanno dalla paralisi li terrò all'aperto.

Link to comment
Share on other sites

Questa è una bella domanda.Forse qualcuno si riprenderà.Ma forse però.E comunque,anche avvenisse,dubito sia un recupero completo( a tal proposito ti linko questa interessantissima discussione qualora l'argomento t'interessi ;) http://forum.aracnofilia.org/index.php?sho...ic=5970&hl= ) . Il ragno di fatti viene paralizzato e non ucciso proprio per consentire alla larva di nutrirsene finchè è ancora in vita...avendo così carne fresca..Non a caso la suddetta larva,istintivamente inizierà a cibarsi delle parti non vitali dell'aracnide,affinchè quest'ultimo possa appunto sopravvivere il più possibile.Nel tuo caso bisognerebbe capire da quanto sono lì quelle bestiole.

 

Comunque TI aggiungo in merito un episodio di cui sono stato protagonista,anni fà, con una grossa femmina di Segestria florentina . La salvai dalle "zampe" di una vespa Pompilidae.Il ragno era già paralizzato,ma scacciai l'imenottero e decisi portarmelo via.Dopo 1 giorno e mezzo si era completamente ripreso,mangiando già la sera del giorno seguente alla paralisi una grossa falena.Si nutrì voracemente per una settimana al termine della quale,però,morì.Così di colpo.E penso proprio che tale improvviso decesso,senza oltretutto alcun segnale premonitore,fosse conseguenza della puntura . Come altresì suppongo che il rapido ritorno in forze della S.florentina sia stato possibile perchè il Pompilidae non ebbe la possibilità di infliggere la puntura defintiva,ma solo quella per bloccare temporaneamente il ragno.

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

posso dirlo?? che bastarde ste vespe.mi sono immagginato paralizzato mentre una schifosa larva mi mangia cercando di non farmi morire subito! :unsure:

 

-EDIT- 

 

Questo post è veramente inutile...offtopic per giunta in una discussione interessante! Cerchiamo di evitare queste uscite...

 

Grazie

 

scusate e solo che il modo di cacciare e di vivere di queste vespe mi ha un pò sconvolto lo trovo molto "crudele" per le vittime, mi sono appena letto tutto il topic dove zappa parla di come a cercato di salvare il ragno e lo trovo straordinario.

Edited by vegeta
Link to comment
Share on other sites

E invece un ragno che ti pianta i cheliceri dietro il collo è simpatico.

 

Non è altro che parte del loro ciclo vitale: certe cose possono suscitarci emozioni positive o negative ma sicuramente in sé non possiamo giudicarle come giuste, sbagliate o cattive. In passato discorsi simili hanno portato a dibattiti teologici più o meno interessanti sulla "bontà divina", lo stesso Darwin si chiedeva come fosse possibile che Dio fosse buono e benefico e avesse creato i parassitoidi:

 

Non riesco a persuadermi che un Dio benefico e onnipotente abbia volutamente creato gli icneumonidi con l'espressa intenzione che essi si nutrano entro il corpo vivente dei bruchi

 

Nel nostro caso si tratta di semplice predazione e ovviamente - come sempre, per quanto riguarda il mondo naturale - interpretazioni morali (proprie dell'uomo) non se ne possono dare. La vespa non è bastarda, fa semplicemente quello che deve fare.

Link to comment
Share on other sites

bè per me e una cosa crudele paralizzare un essere vivente e far cibare i piccolo mentre la povera bestia (ancora viva) viene mangiata!..... non ho mai detto che un animale e bravo e uno e cattivo , non ho mai detto che il ragno non e spietato e la vespa in questione si , quindi non mettermi in bocca cose che non ho detto! :rolleyes: , ho detto il mio parere sul modo di predare di questa vespa e non ce bisogno di aggredire.

e poi se permetti io posso giudicare il modo di predare della vespa o di qualsiasi altro essere vivente? o ce una legge che lo vieta?? anche un ragno che paralizza una preda con la ragnatela lo posso trovare spietato.

Link to comment
Share on other sites

posso dirlo?? che bastarde ste vespe.

Se queste vespe sarebbero bastarde... i licaoni in Africa che dovrebbero essere? :unsure: (ho visto un documentario che atterrando uno gnu lo cominciano a divorare in branco dalla parte posteriore dell'animale, precisamente dall'ano, mentre lo gnu ancora vivo si dimena e lancia "strani" versi... Che ci vuoi fare? E' la natura... :)

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.