Jump to content

Caserta (CE) - Trogulidae


Recommended Posts

Salve

ho trovato l'altra mattina uno ragno, così sembrava alla vista, sulle scale nel viale, era lentissimo e sembrava dibattersi nella ragnatela a terra. Nero e allungato, ho pensato che stesse per morire, il movimento delle zampe era un po' scoordinato. Al ritorno dal lavoro non ho pensato a nulla, ma ieri sera l'ho trovato poco lontano dal luogo del primo avvistamento, secco e rigido, appeso a un filo di ragnatela. L'ho raccolto e ho cercato di fotografarlo: da lontano sembrava un ragno, ma all'ingrandimento macro appariva molto diverso: Otto zampe, senza i palpi tipici dei ragni, testa con due occhi (gruppi di ocelli) laterali, testa piccola rispetto al corpo, quest'ultimo allungato e sembra che l'addome sia unito al torace. Sembra una zecca, ma le dimensioni sono molto diverse e le zampe sono troppo lunghe rispetto al corpo. La lunghezza del corpo è sui 9 mm. Con la lente di ingrandimento sono riuscito a vedere parte dell'apparato boccale: una pinza piccola, l'altra rotta, probabilmente.

Appena riesco a sviluppare i RAW ne posto qualche immagine, anche se non sono un granché.

 

Ho fatto qualche ricerca online, ma non ho trovato nulla che gli assomigliasse

 

Se nel frattempo qualcuno sa di cosa si può trattare... grazie

 

edit: inserisco tre immagini che ho ricavato dalla ..salma dell'animale. Alcune zampette sono rotte, come pure una parte dell'apparato boccale, ma è ben visibile una chela (se si chiama così). In una delle foto sembra che all'apice la zampa termini con una sorta di pinza.

spero si riesca a capire che roba sia

grazie a tutti

tino

 

3558106081_b33a6b7db3_o.jpg

 

 

3558916352_d4a4337116_o.jpg

 

3558106519_3132e1a3d3_o.jpg

Link to comment
Share on other sites

E' un opilionide, tipicamente terricolo, alquanto diverso dagli opilioni con le zampe lunghe e il corpo rotondeggiante, che siamo abituati a vedere nei prati

Link to comment
Share on other sites

Grazie, per la competenza e gentilezza :) che non guasta mai

 

non ho pensato a un opilionide, prima perché vedevo il capo distinto dal resto del corpo, poi perché nella foto "da sotto" si nota una certa differenziazione tra addome e torace, quindi sono andato in panne.

C'è da dire, però, che non avevo mai guardato un opilionide dalla parte del ventre, e non l'avrei fatto nemmeno con questo, se non fosse stato che era morto e stecchito. Credo, allora, che la ragnatela nella quale era impigliato sia quella di qualche ragno che si trova nelle vicinanze

 

Grazie ancora

 

;)

Link to comment
Share on other sites

Perché si fa confusione, già il nome comune italiano "opilionidi", dato a questo taxon, trae in inganno... Il suffisso -di che in ambito zoologico viene usato per le famiglie confonde, qui si parla di un ordine (Opiliones, in italiano sarebbe meglio tradurlo con un semplice "opilioni").

 

Come si può vedere da questo lavoro, opilioni e ragni non sono poi parenti strettissimi... In tutte le possibili interpretazioni filogenetiche.

 

Aggiungo una cosa: al genere Trogulus la tanatosi riesce particolarmente bene, se toccato o disturbato resta rigido e immobile per ore e ore. Non credo che quell'esemplare fosse stecchito, semplicemente si fingeva morto.

Link to comment
Share on other sites

Non credo che quell'esemplare fosse stecchito, semplicemente si fingeva morto

:rolleyes: non questo esemplare: era secco, morto e secco. Gli mancano alcune zampe che si sono staccate mentre lo riponevo sul telo per fotografarlo e gli si è impigliata, sempre nel telo, una parte della bocca che a girarlo su se stesso si è rotta, come si può vedere dalle fotografie.

 

che abbiano questa abitudine è buono a sapersi: la prossima volta che ne vedo uno vivo non me lo faccio scappare. Lo fotografo ben bene da vivo, sicuramente sarà più fotogenico

 

Grazie del commento e della precisazione; sto scoprendo che il mondo dei aracnidi è immenso e vasto come l'universo: ho letto, ad esempio, che vi sono circa duecento specie del genere tomisus, e solo fra quelle presenti in Italia! :rolleyes:

Link to comment
Share on other sites

Ciao Matteo

confermo Caserta, precisamente Alto Casertano(confine con Isernia), la foto intera è stata scattata a 1:1, ma il sensore è lungo solo 23 mm, quindi si può determinare la misura dell'opilionide in 9 mm. Sussessivamente ho adattato le dimensioni per postare la foto,ma il raw è quello. (a proposito, che è successo delle foto? Non si vedono più, anche se i file sono presenti sul server)

Gradini che davano, attraverso il giardino, sulla strada. Ora del primo ritrovamento: sette di mattina. Il secondo ritrovamento da "stecchito" ore 15 circa; giorno del ritrovamento e delle fotografie: 21 maggio.

ciao

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.