Vai al contenuto

IPB Style© Fisana
 

Foto

Loxosceles rufescens


  • Per cortesia connettiti per rispondere
17 risposte a questa discussione

#1 PiErGy

PiErGy

    Piv

  • Amministratori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5384 messaggi

Inviato 18 ottobre 2003 - 21:02

Loxosceles rufescens = distincta (Dufour, 1820)

Nomi comuni: Ragno violino, violin spider (per la macchia sul cefalotorace appena dietro gli occhi che ricorda la forma di un violino); ragno eremita (perché nelle abitazioni è rinvenuto in zone poco frequentate e di difficile accesso).

Famiglia: Sicariidae

Descrizione: La femmina misura 8 - 11mm di corpo (legspan circa 2 - 3 cm) ma le dimensioni tra un esemplare e l'altro sono assai variabili. Il maschio è generalmente più piccolo di bodyspan arrivando ai 7 - 8 mm di corpo, ha le zampe più lunghe ed esili e l’addome meno pronunciato; il maschio si distingue dalla femmina anche per l'evidente presenza di pedipalpi grandi e facilmente visibili.
Il cefalotorace di Loxosceles rufescens, munito di 6 piccoli occhi, ha un colore rosso-bruno e presenta una macchia più scura che ricorda un violino; la macchia non è presente solo nelle Loxosceles ma in molti altri ragni e da sola non è sufficiente per la determinazione del ragno. Il colore dell'addome spazia dal giallo paglierino all'arancione tenue; anche l’addome presenta una macchia lanceolata più scura. Le zampe, molto fragili e delicate (si trovano frequentemente esemplari a 7 - 6 zampe), sono bruno-rossicce come il cefalotorace.

Distribuzione: Questa è l'unica specie di Loxosceles presente nel Bacino del Mediterraneo; si trova anche in alcuni stati degli U.S.A. poiché convivendo con l'uomo è stata importata in altre località.

Abitudini: In natura vive sotto rocce, ceppi d'albero e nelle crepe nei muri ma in Italia è molto facile trovarlo nelle abitazioni. L'ambiente mite e secco delle case è infatti adattissimo per questa specie xerofila che riesce molto velocemente a colonizzare attici, stanzini e angoli bui e poco frequentati degli appartamenti; qui il ragno tesse sul substrato una ragnatela irregolare, intrecciata e leggermente vischiosa. Appena una possibile preda (si nutre di moltissimi artropodi tra cui lepidotteri, tisanuri, altri ragni) urta la ragnatela, il ragno la cattura con i cheliceri paralizzandola con il veleno. Spesso si avventura fuori dalla tela per cacciare; specialmente il maschio ha un comportamento errante perché è alla continua ricerca di una femmina fertile.

Aggressività e morso: Come la maggior parte dei ragni, non è aggressivo ed anche se molto infastidito tenta raramente di mordere; preferisce di gran lunga la fuga ed essendo un ragno esile, agile e molto veloce, trova spesso un' intercapedine in cui rifugiarsi in caso di aggressione.
Se tuttavia viene maneggiato o schiacciato a pelle nuda (può capitare vista la sua abituale presenza nelle case) è in grado di infliggere morsi di una certa rilevanza e spesso dalla difficile risoluzione. Il veleno sembra essere meno attivo sull'uomo di quello di alcune specie americane (L. reclusa, L. laeta) ma ha un’azione necrotica rilevante e nei soggetti allergici si manifesta il cosiddetto loxoscelismo (una piaga di difficile guarigione che si può estendere di qualche centimetro sull'epidermide).

Allevamento: Loxosceles rufescens è un ragno molto adattabile e resistente; può essere fatto alloggiare in un terrario 20x10x10 con un substrato di 2cm di terra asciutta anche se persino in un barattolo senza substrato sopravvive e può riprodursi con successo.
Come tutti i ragni xerofili non ama l’umidità, quindi non nebulizzate nel terrario e non bagnate il terriccio.
Si nutre di tisanuri, altri ragni, piccoli lepidotteri sia vivi che moribondi ma accetta anche insetti di ogni tipo morti da poco. Può digiunare anche 15 giorni ma è meglio nutrirlo 1 - 2 volte a settimana per renderlo meno attivo e aggressivo e per non farlo disidratare eccessivamente (non bevendo, attinge dalle prede i liquidi di cui necessita).
L’allevamento di questo ragno è davvero semplice, mi sento comunque di sconsigliarlo ai neofiti per via della pericolosità del suo morso (VEDERE NOTA A FINE SCHEDA)

Riproduzione: Dopo essersi avvicinato alla tela della femmina recettiva, il maschio pizzica i fili di seta per permettere alla compagna di riconoscere la sua presenza. Dopo un breve corteggiamento il maschio la feconda avvicinando la spermoteca alla femmina mediante i pedipalpi.
Dopo qualche settimana, la femmina costruisce un nido sul terreno del diametro di 2 cm dove depone le uova (20 - 30) da cui dopo una decina di giorni nasceranno i piccoli. Bisogna alzare l'umidità dopo la deposizione delle uova per evitarne la disidratazione. Gli slings sono simili agli adulti e si nutrono di piccoli invertebrati e di insetti più grandi feriti o moribondi, nonchè uova di ragni o insetti. Non possono in alcun modo mordere l'uomo date le loro esigue dimensioni. Se vengono nutriti di frequente raggiungono l'età adulta dopo un anno circa.

Consigli e suggerimenti sempre ben accetti...

Nota importante: la legge 213/2003 vieta la detenzione di specie "pericolose o invalidanti" e la specie qui descritta - seppure decisamente poco pericolosa se paragonata alle specie americane - ha comunque un veleno attivo sull'uomo e che può causare conseguenze rimarchevoli. Vi è inoltre la presenza dubbia nella nostra penisola di Loxosceles laeta, difficilmente riconoscibile dalla specie qui trattata ma con veleno molto più attivo. Con queste premesse, la scheda qui presente è da ritenersi a puro scopo informativo e didattico: il sottoscritto scoraggia assolutamente la detenzione di questa specie, considerando le leggi vigenti.

StAi DaLla ParTe Di ChI RUba NeI SuPeRmErcaTi O Di ChI Li Ha CoStRUiTi RubAnDo?


Messaggio modificato da PiErGy, 16 settembre 2016 - 16:09

In un vortice di polvere gli altri vedevan siccità. A me ricordava la gonna di Jenny in un ballo di tanti anni fa. Sentivo la mia terra vibrare di suoni, era il mio cuore. E allora perché coltivarla ancora, come pensarla migliore? Libertà, l'ho vista dormire nei campi coltivati a cielo e denaro, a cielo ed amore, protetta da un filo spinato. Libertà, l'ho vista svegliarsi ogni volta che ho suonato per un fruscio di ragazze a un ballo, per un compagno ubriaco...


#2 i-lang

i-lang

    "Nonno"

  • Membri Onorari
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3073 messaggi

Inviato 18 ottobre 2003 - 21:38

Caro Piergy, bel lavoro....
Alcuni dubbi ed alcune considerazioni...
Sul Jones il L.rufescens è descritto (pagg 66 e 328 ) come appartenente alla Famiglia Loxoscelidae, mentre la ceck-list italiana lo iscrive alla famiglia Scytodidae (idem L.distincta, e sono considerate specie separate).
Sarebbe utile risolvere i dubbi ( tu li iscrivi alla Famiglia Sicariidae).
Le dimensioni da te proposte non trovano conferma nel Jones che li descrive con un bodyspan di 0,6 cm nella femminacome nel maschio...fatto strano (maschio uguale alla femmina) ma che merita riferimenti bibliografici che non conosco (Claudio...Daniele col Roberts possono dirimere..).C'è poi un refuso fra bodyspan (1,3 cm...) e ls (1,5 cm...)..avrebbe zampine microscopiche....[8D]
Riguardo al veleno, non reputo utile soffermarsi più a lungo, perchè il pericolo relativo al morso è molto basso e gli effetti negativi riguardano solo una piccola minoranza di iperergici (loxoscelismo)...poi di sti tempi.......[:D]
Ciao e di nuovo bel lavoro......

#3 PiErGy

PiErGy

    Piv

  • Amministratori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5384 messaggi

Inviato 19 ottobre 2003 - 10:27

Grazie dei ragguagli[:(]. Modifico subito.
Riguardo le dimensioni, ho trovato maschi come le femmine ed altri assai più piccoli e per la scheda ho citato la dimensione media ma ti assicuro che ho una femmina di un cm di corpo.
Il legspan era sbagliatissimo, grazie per avermelo fatto notare.
Per la famiglia non so che dirti; ogni libro dice la sua in maniera diversa[:(].


///StAi DaLla ParTe Di ChI RUba NeI SuPeRmErcaTi O Di ChI Li Ha CoStRUiTi RubAnDo?

#4 migdan

migdan

    Dolomigdan retinatus sfalcians

  • Membri Onorari
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3608 messaggi

Inviato 19 ottobre 2003 - 22:26

Innanzitutto mi associo ai complimenti per il lavoro molto accurato. Il Platnick, come segnalato dal Maestro in questo topic: http://www.aracnofil...erms=,distincta
ascrive la specie alla famiglia Sicariidae. Aggiungerei la notazione Lucas, 1846 alla specie Loxosceles distincta, da unire con il simbolo "=" alla dizione L. rufescens, per indicare la sinonimia.
Queste le foto che mi ha postato Piergy:

Femmina con nido
​​

2016_10_05-11_04_51_f0082.jpg

​​

2016_10_05-11_04_51_f0841.jpg

Maschio

 

​​

2016_10_05-11_05_07_7059a.jpg

​​

2016_10_05-11_05_07_70efc.jpg

Mi sembrano molto buone, al momento non posso fornire contributi fotografici perché non ho Loxosceles in allevamento (da me i ragni vanno e vengono con grande frequenza, comunque, e i Loxosceles girano liberamente per casa). Forse Emanuele ha qualche foto, a quanto mi è sembrato di capire dai thread passati.
Per quanto riguarda le dimensioni, non posso aggiungere nulla: essendo la specie assente dalla Gran Bretagna e dall'Europa Nord-Occidentale, non è trattata né dal Roberts, né dal Locket&Millidge (ebbene sì Maestro, 110 euri girati ai buoni Goecke&Evers!).



#5 giantsquid

giantsquid

    Poecilotheria

  • Membri Onorari
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 727 messaggi

Inviato 12 novembre 2003 - 02:07

Ottima scheda davvero. Penso sia quasi pronta per andare online.
Ema ha delle buone foto.

-----------------
Dopo qualche settimana, la femmina costruisce un nido sul terreno del diametro di 2cm dove depone le uova (20-30) da cui qualche mese (Un po' tanto, non saranno settimane, 3-4. Qualche conferma?) dopo nasceranno i piccoli(come è fatto il cocoon?). Gli slings (quanto sono grandi?)sono simili agli adulti e si nutrono di piccoli invertebrati e di insetti più grandi feriti o moribondi. Prima della quinta muta non possono in alcun modo mordere l'uomo date le loro esigue dimensioni. Se vengono nutriti di frequente raggiungono l'età adulta dopo qualche mese (quanto? credo 5-6. Qualche conferma?).

In più:
longevità? Direi circa 1 anno
Notizie sul ciclo? QUando nascono i piccoli etc...


Franci

#6 migdan

migdan

    Dolomigdan retinatus sfalcians

  • Membri Onorari
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3608 messaggi

Inviato 12 novembre 2003 - 10:24

A casa ho due articoli di Brignoli. Stasera relaziono!

#7 PiErGy

PiErGy

    Piv

  • Amministratori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5384 messaggi

Inviato 14 novembre 2003 - 15:16

Per giantsquid: le uova ci mettono mesi a schiudersi, sto aspettando dagli inizi di settembre ma i piccoli non accennano a nascere. Il coocon in senso letterale è abbastanza strano: le uova sono deposte su una base di seta di 2cm e ricoperte di ulteriore tela, io lo chiamo nido e non coocon (si vede bene nelle foto).
Quando nascono gli slings ti dirò con precisione la grandezza (li ho già allevati ma non mi ricordo proprio quanto erano grandi al momento della schiusa, sorry), sui 2-3mm bodyspan immagino.
Riguardo al tempo di crescita ci mettono parecchio a divenire adulti (7-8 mesi) perchè fanno molte mute.

///QuAnTe PeRsOne Che NoN CoNtANo E InVeCe CoNtAnO e Si StAnNo CoNtAnDo gIà; StAnNo SoLtAnTo AsPeTtAnDo Un SeGno...

#8 giantsquid

giantsquid

    Poecilotheria

  • Membri Onorari
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 727 messaggi

Inviato 18 novembre 2003 - 12:46

ok, penso che con le giuste integrazioni possa andare online. CHe ne dite? Usiamo le foto di Ema e di Daniele

Franci

#9 migdan

migdan

    Dolomigdan retinatus sfalcians

  • Membri Onorari
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3608 messaggi

Inviato 18 novembre 2003 - 13:02

Di Piergy! Io le ho solo postate.

#10 PiErGy

PiErGy

    Piv

  • Amministratori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5384 messaggi

Inviato 20 novembre 2003 - 15:15

Per migdan: hai relazionato gli articoli del Brignoli?

///QuAnTe PeRsOne Che NoN CoNtANo E InVeCe CoNtAnO e Si StAnNo CoNtAnDo gIà; StAnNo SoLtAnTo AsPeTtAnDo Un SeGno...

#11 PiErGy

PiErGy

    Piv

  • Amministratori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5384 messaggi

Inviato 20 febbraio 2005 - 11:41

Oggi, complice l'influenza, mi è venuta un'altra delle mie idee strambe: avevo un cocoon di Steatoda paykulliana non fecondato (la femmina non si è mai accoppiata e non sarebbe nato nulla... :ph34r:). E mi viene un lampo di pura idiozia: non avevo nulla da dare agli slings di Loxosceles e provo a metterci le uova di Steatoda.

Le hanno svuotate del tutto, è rimasta solo la membrana trasparente che le avvolge.

In un vortice di polvere gli altri vedevan siccità. A me ricordava la gonna di Jenny in un ballo di tanti anni fa. Sentivo la mia terra vibrare di suoni, era il mio cuore. E allora perché coltivarla ancora, come pensarla migliore? Libertà, l'ho vista dormire nei campi coltivati a cielo e denaro, a cielo ed amore, protetta da un filo spinato. Libertà, l'ho vista svegliarsi ogni volta che ho suonato per un fruscio di ragazze a un ballo, per un compagno ubriaco...


#12 PiErGy

PiErGy

    Piv

  • Amministratori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5384 messaggi

Inviato 06 maggio 2005 - 20:43

Per la prima volta, dopo diversi tentativi miei di riprodurre questa specie e tre cocoons che non si sono schiusi (a questo punto credo perchè le uova non erano state fecondate) si è aperto un bozzolo di questa specie deposto due settimane fa! :D

Sono soddisfazioni, grazie delle dritte Fabio! ;)

In un vortice di polvere gli altri vedevan siccità. A me ricordava la gonna di Jenny in un ballo di tanti anni fa. Sentivo la mia terra vibrare di suoni, era il mio cuore. E allora perché coltivarla ancora, come pensarla migliore? Libertà, l'ho vista dormire nei campi coltivati a cielo e denaro, a cielo ed amore, protetta da un filo spinato. Libertà, l'ho vista svegliarsi ogni volta che ho suonato per un fruscio di ragazze a un ballo, per un compagno ubriaco...


#13 Meta.09.

Meta.09.
  • Utenti
  • 7 messaggi

Inviato 21 giugno 2017 - 13:36

Ciao ragazzi,volevo riprendere questa discussione per chiedervi se una femmina può fare un cocoon da un accoppiamento avvenuto mesi e mesi prima,in caso è possibile che lo costruisce senza accoppiarsi?  Grazie in anticipo per le risposte!



#14 Phantom Soldier

Phantom Soldier

    Lasiodora

  • Utenti
  • StellettaStelletta
  • 68 messaggi

Inviato 29 giugno 2017 - 15:01

Ti rispondo solo perché non l'ha fatto nessun altro nella scorsa settimana. Premetto che non ho mai allevato la specie in questione, ma è possibile che un esemplare possa deporre più cocoon; le femmine raccolgono lo sperma dei maschi dentro spermateche per poter fecondare più uova a distanza di tempo.A volte anche mezzo anno dopo la copula. Non è raro catturare esemplari maturi già fecondati che depongono due o più cocoon. Sulla questione di ovisacchi sterili so di specie che depongono anche in assenza di fecondazione se ben nutrite (Hogna radiata per esempio) ma non so per quanto riguarda L. rufescens. Spero di essere stato d'aiuto ;)



#15 Fede95

Fede95

    Xenesthis

  • Moderatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1423 messaggi

Inviato 29 giugno 2017 - 23:27

la prossima volta sarebbe meglio aprire una nuova discussione, invece che riaprirne una vecchia. Come da regolamento 






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi

Copyright © 2017 Your Company Name