Vai al contenuto

IPB Style© Fisana
 

Foto

Il veleno dei ragni puņ provocare reazioni anafilattiche ed eventuale shock?


  • Per cortesia connettiti per rispondere
8 risposte a questa discussione

#1 elleelle

elleelle

    Xenesthis

  • Curatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3032 messaggi

Inviato 23 ottobre 2017 - 10:20

Sui famigerati social si parla spesso della velenosità dei ragni e qualcuno afferma che tutti i ragni sono potenzialmente pericolosi se il soggetto morso ha un'allergia specifica o sviluppa una reazione anafilattica.

 

La cosa mi lascia perplesso perché, in alcuni anni di frequentazione dell'ambiente aracnologico, non ho mai sentito parlare di shock anafilattico causato dal veleno di un ragno.

 

Viceversa è abbastanza frequente sentir parlare di casi di shock anafilattico provocato dalla puntura di imenotteri, specialmente di quelli sociali (api, vespe e calabroni). Anche un'oculista di mia conoscenza morì per la puntura di un'ape.

 

Analogamente non ho mai sentito parlare di reazioni anafilattiche alla puntura di Reduviidae, Notonectidae, Asilidae, Tabanidae e altri insetti che iniettano il veleno con l'apparato boccale.

 

Qualcuno ne sa di più? Sembra che le reazioni anafilattiche siano più probabili se il veleno contiene proteine dalla molecola grande, che somiglia di più ad un virus, ad un batterio o a un protozoo, ma forse sono criteri inattendibili.

 

La mia domanda è se è vero che il veleno dei ragni di solito non provoca reazioni anafilattiche.

Se è vero, da cosa potrebbe dipendere? 


Gli uomini spesso inciampano nella verità, ma, di solito, si rialzano e continuano per la loro strada (W. Churchill)


#2 Gaborri

Gaborri

    Idiothele gaborrensis

  • Curatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2479 messaggi

Inviato 23 ottobre 2017 - 12:41

Non sono un esperto di veleni. Però non sottovaluterei il comportamento etologico della questione. 

 

Se ci pensi Luigi sono pochissimi i ragni che iniettano veleno veramente durante un morso. Come sappiamo tutti i ragni usano il veleno per la caccia e per difendersi preferiscono usare dry bites. Molti altri insetti (come api e vespe) usano il veleno esclusivamente per la difesa quindi ne iniettano maggiori quantità. 

 

Ma poi non si ritorna sempre allo stesso punto, ovvero capire effettivamente se si è stati morsi da un ragno o meno? Magari se si va a spulciare qualcosa nei report si scopre che le volte che si è morti per il ragno la morte è stata causata proprio da uno shock anafilattico. 

 

La questione sulle dimensioni del veleno è comunque molto interessante e deve essere approfondita. Mi daresti qualche riferimento in merito? 

 

Considera poi che il veleno dei ragni (a causa del punto 1) potrebbe essere molto più complesso rispetto al veleno degli imenotteri e simili... ci vuole @Henry in queste situazioni :) 


Sommergibili2.png"Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo" Gandhi

Gaborri


#3 00xyz00

00xyz00

    Haplopelma hainanum User

  • Amministratori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6217 messaggi

Inviato 23 ottobre 2017 - 16:27

E' un argomento interessante perchè, come dice Luigi, molti hanno paura di shock anafilattico.

Ed è anche vero che se un determinato veleno è propenso a causare reazioni sistemiche così grandi deve necessariamente essere legato a quelche sua peculiarità molecolare. Ma non è il mio campo

 

Ho contattato il centro antiveleni e sono certo che con le loro chiare risposte potremo redigere un articoletto divulgativo sulla tematica.

Che ne dite?


La cosa più bella che possiamo sperimentare è il Mistero; è la fonte di ogni vera arte e di ogni vera scienza.
Un Essere che non conosce questa emozione, che è incapace di fermarsi per lo stupore e restare avvolto dal timore reverenziale, è come un Morto.
                                                                                                         (Albert Einstein)


#4 ilplataleo

ilplataleo

    Grammostola

  • Utenti
  • Stelletta
  • 10 messaggi

Inviato 23 ottobre 2017 - 18:23

Molto interessante questo argomento,

Secondo me c'è da dire per prima cosa che le punture di imenottero ad esempio, sono molto più frequenti di quelle dei ragni oltre che per come ha già detto gaborri molto spesso il veleno nemmeno viene inoculato quando mordono per difendersi o comunque in minima parte.

 

Detto questo anche io non sono molto informato a riguardo, tempo fa fra l'altro avevo trovato un libro della Springer che ho molto desiderato e che parla di evoluzione degli animali velenosi (venomous, non poisonous  ;)), l'unico problema è che come tutti i libri della Springer è inarrivabile economicamente, probabilmente potrebbe essere un volume utile alla comprensione di questo tipo di domande.

 

Per quanto riguarda invece la correlazione caratteristiche molecolari/probabilità di allergia forse bisogna cercare tra pubbicazioni di immunologia generale, non necessariamente legate ai veleni.



#5 Henry

Henry

    Enrico Simeon

  • Amministratori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3679 messaggi

Inviato 23 ottobre 2017 - 20:05

Contatta pure Carletto.

Comunque secondo me come dice Gabo i morsi raramente sono con rilascio di veleno. Questo quindi già è causa di una casistica ridotta. Se si va a considerare anche la ridotta possibilità di shock anafilattico, le probabilità sono davvero molto rare. Comunque interessante osservazione di Luigi @elleelle



#6 Onji

Onji

    Araneus Analcolicus Follis

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 536 messaggi

Inviato 23 ottobre 2017 - 20:25

senza tralasciare che una buona fetta, ha un apparato incapace di attraversare strati di pelle necessari per un eventuale rilascio adeguato, molti sono (appunto) dry bites. Se si parla di allevamento - benché abbia conosciuto degli avventurieri - chi è allergico alle vespe fa bene a star lontano a prescindere dagli aracnidi. Io ho smesso per motivi non dissimili: passione si, ma anche testa più che paura.


"uno stracchino è per sempre" (Sua toposità, il nonno Ilic)


#7 Gaborri

Gaborri

    Idiothele gaborrensis

  • Curatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2479 messaggi

Inviato 24 ottobre 2017 - 08:15

Riusciamo a stilare una bibliografia di riferimento? Magari un articolo con casistiche precise? 


Sommergibili2.png"Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo" Gandhi

Gaborri


#8 Kaiser Scorpion

Kaiser Scorpion

    Grosphus rossii

  • Moderatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3998 messaggi

Inviato 24 ottobre 2017 - 19:10

In teoria qualsiasi veleno, anche uno poco potente con alto valore di LD50, può dare reazione allergica, così come determinati farmaci ed alimenti. Non dipende quindi tanto dal veleno in sé, ma dal soggetto punto/morso che ha una reazione di ipersensibilità.

 

Ad ogni modo, solo al secondo contatto col veleno può scatenarsi lo shock anafilattico, per cui risulta molto più facile venire punti due volte nell'arco della vita da un'ape o da una vespa, che non da una particolare specie di ragno.

 

Le morti per morso di ragno (o puntura di scorpione) generalmente sopraggiungono dopo alcune ore dal contatto col veleno e non dopo pochi minuti, come nel caso delle reazioni allergiche per puntura di imenottero.


>~, \\ / /
...3): )))))=====Q
>~' // \ \

#9 Martish

Martish

    Theraphosa

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 285 messaggi

Inviato 25 ottobre 2017 - 09:04

E' un argomento interessante perchè, come dice Luigi, molti hanno paura di shock anafilattico.

Ed è anche vero che se un determinato veleno è propenso a causare reazioni sistemiche così grandi deve necessariamente essere legato a quelche sua peculiarità molecolare. Ma non è il mio campo

 

Ho contattato il centro antiveleni e sono certo che con le loro chiare risposte potremo redigere un articoletto divulgativo sulla tematica.

Che ne dite?

 

Assolutamente si, fare un po' di chiarezza su un argomento simile è importante, oltre che interessante! ;)






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi

Copyright © 2018 Your Company Name