Vai al contenuto

IPB Style© Fisana
 

Foto

Il microscopio digitale: quale acquistare, cosa osservare, come migliorare.

microscopio usb microscopio digitale time lapse stacking episcopia diascopia

  • Per cortesia connettiti per rispondere
19 risposte a questa discussione

#16 Enotria

Enotria

    Grammostola

  • Utenti
  • Stelletta
  • 14 messaggi

Inviato 15 ottobre 2017 - 22:12

.

 

Il tipo di inchiostro, i suoi costituenti, incidono moltissimo.

Vari elementi fanno variare la visibilità, molto dipende anche dalla illuminazione IR che utilizzi: potenza, lunghezza d'onda, altri colori componenti, ecc.

 

Quando fai delle prove, la prima sorgente che utilizzi è il telecomando della TV o altri simili.

Molto potenti anche le lampade a led IR. Le più comuni sono le UltraFire:

 

2017_10_15-21_11_12_883ae.jpg

 

Certo che è un campo tutto da provare !

 

 

:uups:

 

 


Andrea
 
 
Ogni oggetto ha la sua storia,
. . . io non vendo oggetti,
. . . . . . io racconto storie. (Enotria)

#17 00xyz00

00xyz00

    Haplopelma hainanum User

  • Amministratori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6217 messaggi

Inviato 25 ottobre 2017 - 13:44

Andrea, tra i microscopi usb collegabili ad un monitor per osservazioni live, quale pensi sia il migliore come qualità d'immagine e messa a fuoco?

Ad esempio, immaginiamo di dover osservare a monitor (19-22 pollici) un piccolo ragno (1cm di corpo) che preda una mosca, oppure dover addirittura "registrare" tale scena. Quale strumento acquisteresti?

Grazie


La cosa più bella che possiamo sperimentare è il Mistero; è la fonte di ogni vera arte e di ogni vera scienza.
Un Essere che non conosce questa emozione, che è incapace di fermarsi per lo stupore e restare avvolto dal timore reverenziale, è come un Morto.
                                                                                                         (Albert Einstein)


#18 Enotria

Enotria

    Grammostola

  • Utenti
  • Stelletta
  • 14 messaggi

Inviato 26 ottobre 2017 - 16:29

Restando su prezzi normali prenderei il HOT (Amazon, eBay) che costa attorno a 80 Euro, ha 5 Mpx reali di risoluzione, un ottimo programma di elaborazione, collegabile a PC ed a smartphone.

 

2017_10_26-15_04_20_f20b8.jpg

 

Nel mio post ne parlo poco perché mi è antipatico, ma non è colpa sua, è colpa mia che sono un pigrone e non ho mai voluto imparare un po' di inglese e così lo utilizzo male.  :lol:

 

Se pensi che possa essere utile, fammi avere un campione di ragno (morto), io lo fotografo con i due microscopi principali e poi pubblico sul Forum i risultati. Cosi fate meglio le vostre scelte.

 

Di seguito un paio di foto di un ragno che ho preso ieri sera (cos'è ?). Le foto sono mono scatto e a bassa risoluzione con il mio solito della Crenova da 1,3 Mpx reali.

 

2017_10_26-15_27_12_658d9.jpg

 

2017_10_26-15_27_39_57691.jpg

 

Se poi vicino a me ci fosse uno dei vostri che fa allevamento, sarebbe molto interessante fare dei filmati e, ancora meglio, dei time lapse di particolari momenti della vita ragnesca. Ad esempio la muta, la nascita, la caccia, ecc.


Andrea
 
 
Ogni oggetto ha la sua storia,
. . . io non vendo oggetti,
. . . . . . io racconto storie. (Enotria)

#19 MattiaPof

MattiaPof

    Lasiodora

  • Utenti
  • StellettaStelletta
  • 71 messaggi

Inviato 27 ottobre 2017 - 15:33

Grazie del prezioso contributo!
 
Il mercato di questi "giocattolini" è in effetti cresciuto notevolmente rispetto ai primi scarni e rudimentali modelli. Ricordo che ai tempi faticai come non mai per cercare un supporto regolabile "fatto a posta", gli unici reperibili erano fissi e poco funzionali, questo ne è un esempio. <_<

Anche a durabilità lasciavano il tempo che trovavano, tant'è che il mio mi ha abbandonato ormai da parecchio..

Mi piacerebbe vedere la profondità di campo al massimo ingrandimento e di quant'è l'escursione utile, minima e massima distanza di messa a fuoco dal campione. Se riesci a caricare qualche foto è cosa più che gradita. ;)
Era infatti quest'ultimo il punto più dolente di questo tipo di strumenti per l'utilizzo che intendevo farci, l'esiguo spazio di lavoro dopo un tot di ingrandimenti.

 

Resta in ogni caso molto interessante l'applicazione nel focus stacking, e li molto dipende da come si processano poi le immagini (nel tuo caso ho l'impressione che devii più sull'HDR come risultato finito, correggimi se sbaglio).

 

Insomma come soluzione casalinga a basso costo continuano ad essere interessanti per svariate applicazioni, dall'elettronica alla numismatica fino alle osservazioni biologiche di base. Sarebbe magari interessante un confronto tra questa soluzione ed un microstereoscopio "da campo" di quelli a basso costo (100-150€).

P.S. L'ultimo esemplare che hai postato è un maschio adulto di Zoropsis sp.

 



#20 Enotria

Enotria

    Grammostola

  • Utenti
  • Stelletta
  • 14 messaggi

Inviato 27 ottobre 2017 - 18:17

Purtroppo non ho molta dimestichezza con i ragni, l'unico che mi degna di attenzione è quel Zoropsis che alla sera fa un giretto nella mia stanza e che ho fotografato nel post precedente.

Visto che la caratteristica di questo ragno sono le spine, metto questa foto che avevo scattato:

 

2017_10_27-17_04_31_c6583.jpg

 

Per quanto riguarda profondità di campo non è certo eccelsa, lo vedete anche dalla foto sopra, ma si fa abbastanza bene uno stacking modesto, di una ventina di immagini. Il problema maggiore è il software che nel nominare i file fa confusione, per cui non li ritrovo in ordine. Bisogna avere la pazienza di ricontrollare la sequenza e se le foto sono molte, diventa una borsa.

 

Per i filmati non c'è problema, vengono abbastanza bene. In questo caso non ho un ragno, ma solo un piccolo collembolo, spero vi dia lo stesso una idea delle possibilità.

 

https://www.dropbox....bolo_2.wmv?dl=0

 

 

Per quanto riguarda lo spazio di lavoro, all'ingrandimento massimo è di un paio di centimetri.

 Bisogna però ricordarsi di distaccare l'anello in plastica trasparente, altrimenti quello da solo vi mangia tutto lo spazio disponibile.

Ricordate inoltre che lo zoom ha un punto di inversione, per cui l'ingrandimento aumenta con l'abbassare del microscopio, ma solo fino ad un certo punto, dopo di che l'ottica si inverte e per ingrandire ancora va rialzato.

Se la distanza di lavoro non fosse sufficiente, vi sono versioni costruite apposta per avere forti distanze di lavoro.

 

 

Un altra informazione che è causa dell'abbandono di questo tipo di microscopi da parte dei riparatori dei cellulari: ricordatevi che la visione avviene attraverso una telecamera, quindi con ritardi di visualizzazione anche notevoli. Non è come sotto lo stereo microscopio dove il movimento è immediato, qui se voi spostate l'oggetto, l'immagine arriva, ma solo dopo un po' di ritardo. Ritardo tanto più marcato se la risoluzione del microscopio digitale è mantenuta elevata.

 

 

 

 

:uups:


Andrea
 
 
Ogni oggetto ha la sua storia,
. . . io non vendo oggetti,
. . . . . . io racconto storie. (Enotria)




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi

Copyright © 2018 Your Company Name