Vai al contenuto

IPB Style© Fisana
 

Foto

Report Argiope trifasciata Cagliari 2016/2017


  • Per cortesia connettiti per rispondere
31 risposte a questa discussione

#31 Gaborri

Gaborri

    Idiothele gaborrensis

  • Curatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2441 messaggi

Inviato 06 ottobre 2017 - 13:21

Quelle maglie sono anche difficili da rompere con le mani! mi piacerebbe avere un cocoon se qualcuno ne avesse uno in più :) 


Sommergibili2.png"Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo" Gandhi

Gaborri


#32 00xyz00

00xyz00

    Haplopelma hainanum User

  • Amministratori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6215 messaggi

Inviato 11 ottobre 2017 - 10:16

Grazie @Faby per il bel report. Dato che me ne avevi parlato sapevo più o meno della tua esperienza ma vederla qui con i dettagli e le belle foto è ancora più interessante e utile.

 

Da quanto si evince, alla fine, pare che A.trifasciata sia più resistente e prolifica delle congeneriche italiane e FORSE per questo è riuscita agevolmente a diffondersi nell'Europa mediterranea.

 

Per quanto concerne la tela lanuginosa e olivastra che ricopre gli ovisacchi, gli autori concordano nel dargli un ruolo criptico e, del resto, non sarebbe il primo ragno a usare una tela particolare e colorata per la ricopertura dell'ovisacco.

 

Io non mi sorprendo affatto del numero di cocoon. Le svariate foto e osservazioni che negli anni passati abbiamo racimolato durante il nostro studio preliminare avevano sempre, come costante, il numero multiplo di ovisacchi. Proprio la femmina osservata a Is Arenas (Cagliari) aveva 4 ovisacchi quando sono stati prelevati. Lo abbiamo anche riportato nel nostro lavoro del 2011, lo trovate qui

 

Di Pompeo,P., Kulczycki,A., Legittimo,C.M. & Simeon,E., 2011: New records for Europe: Argiope trifasciata (Forsskål, 1775) from Italy and Malta (Araneae, Araneidae) Bull. Br. arachnol. Soc. 15 (6): 205-208

 

Grazie ancora, spero che il monitoraggio continui  :4fuu9h1:


La cosa più bella che possiamo sperimentare è il Mistero; è la fonte di ogni vera arte e di ogni vera scienza.
Un Essere che non conosce questa emozione, che è incapace di fermarsi per lo stupore e restare avvolto dal timore reverenziale, è come un Morto.
                                                                                                         (Albert Einstein)





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi

Copyright © 2018 Your Company Name