Vai al contenuto

IPB Style© Fisana
 

Foto

Marsciano (PG) - Cheiracanthium punctorium

ragno giallo

  • Per cortesia connettiti per rispondere
13 risposte a questa discussione

#1 LorenzoBenev

LorenzoBenev

    Grammostola

  • Utenti
  • Stelletta
  • 13 messaggi

Inviato 12 luglio 2017 - 20:04

Data: 12/07/2017, tarda serata, caldo secco.

Luogo: a qualche KM da Marsciano (PG), collina.

Posizione e microhabitat: Su una foglia di una pianta appena innaffiata in giardino.

Dimensione del ragno: 25mm legspan circa.

 

 

Mi farebbe piacere riuscire a stabilire quantomeno il genere del suddetto ragno.

Grazie in anticipo.

Lorenzo Benevento.​

2017_07_12-19_03_51_f3e3f.jpg

​​

2017_07_12-19_03_54_d2f1d.jpg

​​

2017_07_12-19_03_55_33b7e.jpg

​​

2017_07_12-19_03_55_9efc7.jpg

​​

2017_07_12-19_03_56_00aa6.jpg



#2 Rupalm

Rupalm

    Lasiodora

  • Utenti
  • StellettaStelletta
  • 72 messaggi

Inviato 12 luglio 2017 - 21:11

Cheiracanthium punctorium, ma aspettiamo altri pareri dei più esperti!

#3 LorenzoBenev

LorenzoBenev

    Grammostola

  • Utenti
  • Stelletta
  • 13 messaggi

Inviato 12 luglio 2017 - 22:56

Grazie mille per la celere risposta.

Aspettando pareri da maggiori esperti (anche se direi che l'identificazione appena fatta è corretta), sottopongo a occhi più esperti un quesito.

Nella lista degli aracnidi pericolosi redatta da Aracnofilia si legge:

 

Famiglia           MITURGIDAE:
Cheiracanthium (tutte le specie)

 

Ma la famiglia del Cheiracanthium punctorium dovrebbe in realtà essere Eutichuridae.

Possibile che esistano famiglie omonime?



#4 elleelle

elleelle

    Xenesthis

  • Curatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2983 messaggi

Inviato 13 luglio 2017 - 09:49

Confermo maschio subadulto di Cheiracanthium punctorium.


Gli uomini spesso inciampano nella verità, ma, di solito, si rialzano e continuano per la loro strada (W. Churchill)


#5 Rupalm

Rupalm

    Lasiodora

  • Utenti
  • StellettaStelletta
  • 72 messaggi

Inviato 13 luglio 2017 - 13:47

Grazie mille per la celere risposta.
Aspettando pareri da maggiori esperti (anche se direi che l'identificazione appena fatta è corretta), sottopongo a occhi più esperti un quesito.
Nella lista degli aracnidi pericolosi redatta da Aracnofilia si legge:
 
Famiglia           MITURGIDAE: Cheiracanthium (tutte le specie)
 
Ma la famiglia del Cheiracanthium punctorium dovrebbe in realtà essere Eutichuridae.
Possibile che esistano famiglie omonime?

Ti riporto un estratto della scheda:
"Prima di essere trasferito nella famiglia Miturgidae e successivamente negli Eutichuridae, il genere Cheiracanthium apparteneva alla famiglia Clubionidae: questo è dovuto alla notevole somiglianza con il genere Clubiona. L’habitus dei due generi quindi è molto simile ma possiamo distinguere chiaramente Cheiracanthium per il primo paio di zampe più lungo del quarto (L1>>L4) e la mancanza di una chiazza più chiara lungo la fovea (che al contrario possiede Clubiona) (Roberts, 1995)"

#6 LorenzoBenev

LorenzoBenev

    Grammostola

  • Utenti
  • Stelletta
  • 13 messaggi

Inviato 13 luglio 2017 - 14:11

 

Grazie mille per la celere risposta.
Aspettando pareri da maggiori esperti (anche se direi che l'identificazione appena fatta è corretta), sottopongo a occhi più esperti un quesito.
Nella lista degli aracnidi pericolosi redatta da Aracnofilia si legge:
 
Famiglia           MITURGIDAE: Cheiracanthium (tutte le specie)
 
Ma la famiglia del Cheiracanthium punctorium dovrebbe in realtà essere Eutichuridae.
Possibile che esistano famiglie omonime?

Ti riporto un estratto della scheda:
"Prima di essere trasferito nella famiglia Miturgidae e successivamente negli Eutichuridae, il genere Cheiracanthium apparteneva alla famiglia Clubionidae: questo è dovuto alla notevole somiglianza con il genere Clubiona. L’habitus dei due generi quindi è molto simile ma possiamo distinguere chiaramente Cheiracanthium per il primo paio di zampe più lungo del quarto (L1>>L4) e la mancanza di una chiazza più chiara lungo la fovea (che al contrario possiede Clubiona) (Roberts, 1995)"

 

Sisi, ti ringrazio infinitamente per il chiarimento ma poi andando a spulciare un libro che ho avevo trovato questa informazione. Quindi, illegale detenerlo in Italia. Liberazione già effettuata.

 

 

 

Confermo maschio subadulto di Cheiracanthium punctorium.

Mi interesserebbe sapere invece come hai stabilito che è maschio e come che è un subadulto. So che un carattere distintivo di questa specie è l'avere negli esemplari maschi una sorta di spina ai lati dei pedipalpi. Ma in foto non mi pare se ne vedano! E per quanto riguarda lo stadio invece? Brancolo nel buio.

 

Ringrazio tutti nuovamente.



#7 elleelle

elleelle

    Xenesthis

  • Curatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2983 messaggi

Inviato 13 luglio 2017 - 14:27

Ha i pedipalpi un po' rigonfi e quindi non può essere una femmina. Del resto non ha i cheliceri lunghissimi come i maschi adulti. Questione di esperienza. ;)


Gli uomini spesso inciampano nella verità, ma, di solito, si rialzano e continuano per la loro strada (W. Churchill)


#8 LorenzoBenev

LorenzoBenev

    Grammostola

  • Utenti
  • Stelletta
  • 13 messaggi

Inviato 13 luglio 2017 - 15:05

E il fatto che è un subadulto giustifica anche l'assenza della spina sull'ultimo segmento dei pedipalpi. Giusto?

Scusa la mole di domande. :D



#9 Rupalm

Rupalm

    Lasiodora

  • Utenti
  • StellettaStelletta
  • 72 messaggi

Inviato 13 luglio 2017 - 16:43

Inoltre la maturazione di questa specie si ha verso settembre (....come un acino di Sangiovese ;-))

#10 Fede95

Fede95

    Xenesthis

  • Moderatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1481 messaggi

Inviato 14 luglio 2017 - 10:04

E il fatto che è un subadulto giustifica anche l'assenza della spina sull'ultimo segmento dei pedipalpi. Giusto?

Scusa la mole di domande. :D

Esatto, i bulbi con quella forma indicano che il ragno è ancora un maschio  subadulto  :4fuu9h1:

Comunque in questa scheda (http://www.aracnofil...ium-miturgidae/) trovi un approfondimento sul veleno di questo genere, che una volta era considerato pericoloso



#11 LorenzoBenev

LorenzoBenev

    Grammostola

  • Utenti
  • Stelletta
  • 13 messaggi

Inviato 14 luglio 2017 - 13:00

 

E il fatto che è un subadulto giustifica anche l'assenza della spina sull'ultimo segmento dei pedipalpi. Giusto?

Scusa la mole di domande. :D

Esatto, i bulbi con quella forma indicano che il ragno è ancora un maschio  subadulto  :4fuu9h1:

Comunque in questa scheda (http://www.aracnofil...ium-miturgidae/) trovi un approfondimento sul veleno di questo genere, che una volta era considerato pericoloso

 

Scheda letta tutta appena mi avete dato la specie! Ringrazio tutti di cuore, velocissimi e gentilissimi!  :D



#12 elleelle

elleelle

    Xenesthis

  • Curatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2983 messaggi

Inviato 16 luglio 2017 - 17:51

Io li trovo spesso su questa specie di cardi. L'altro ieri ne ho trovato uno che sembra adulto o quasi.​

2017_07_16-16_50_44_1c0f0.jpg

​​

 


Gli uomini spesso inciampano nella verità, ma, di solito, si rialzano e continuano per la loro strada (W. Churchill)


#13 elleelle

elleelle

    Xenesthis

  • Curatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2983 messaggi

Inviato 16 luglio 2017 - 17:53

[img]http://aracnofilia.org/Upload_Images/20

2017_07_16-16_52_33_9a61c.jpg

​17_07_16-16_51_34_0ebd9.jpg[/img]


Gli uomini spesso inciampano nella verità, ma, di solito, si rialzano e continuano per la loro strada (W. Churchill)


#14 elleelle

elleelle

    Xenesthis

  • Curatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2983 messaggi

Inviato 16 luglio 2017 - 17:57

Riguardando la foto noto una stranezza. I palpi del maschio non sembrano ancora definitivi. Dovrebbero essere come nella foto sotto. Però si intravede dietro di lui una femmina. Possibile che un maschio immaturo si metta in coppia prima dell'ultima muta?

 

 ​

2017_07_16-16_59_59_bf340.jpg


Gli uomini spesso inciampano nella verità, ma, di solito, si rialzano e continuano per la loro strada (W. Churchill)






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi

Copyright © 2017 Your Company Name