Vai al contenuto

IPB Style© Fisana
 

Foto

informazioni scolopendra hardwickei


  • Per cortesia connettiti per rispondere
1 risposta a questa discussione

#1 fraid

fraid
  • Utenti
  • 5 messaggi

Inviato 29 dicembre 2016 - 12:50

ciao. tra qualche mese dovrei prendere un esemplare di Scolopendra hardwickei  e mi sto informando cercando in internet per sapere il più possibile. sinceramente in italiano ho trovato poco. in un sito ho trovato la temperatura diurna e notturna e il livello di umidità. però mi chiedevo anche quanto sia la durata di vita ? so di un ragazzo che aveva una Scolopendra cingulata per più di 6 anni e mi disse che viveva anche di più. se qui ci fosse qualcuno che abbia delle info da darmi lo ringrazio :)



#2 Chris LXXIX

Chris LXXIX

    Lasiodora

  • Utenti
  • StellettaStelletta
  • 45 messaggi

Inviato 11 giugno 2017 - 23:47

Mi permetto di rispondere (nonostante questo Thread sia da considerare magari "vecchiotto") perchè forse la mia risposta potrebbe essere di aiuto ad altri.

 

Allora... Io onestamente, per prima cosa, ti suggerisco di scordarti questi fantomatici "numeri" e "percentuali" relativi all'umidità.

 

Se fai caso, su Internet trovi di tutto, in questo senso, e male. Chi dice "80 %" chi dice "70 %" ecc

 

Come la misuri quella/e percentuale/i? Con quelle rotelline colorate da mettere dentro alla teca, magari? Questa è roba buona per 'Pet Shops', tipo i vari Petco ecc perchè devono vendere, credimi.

 

Io conosco un sacco di 'breeders' in Europa e negli Stati Uniti e nessuno, e dico nessuno, di noi (ho giusto piazzato una 30 pedelings di S. subspinipes neanche un annetto fa) ha mai usato roba del genere.

 

Il substrato (che dovrà essere, nel caso di esemplari juvenile o adulti di almeno un buon 15/20 cm) deve sempre essere leggermente umido. Una ciotola dell'acqua, sempre piena e pulita, deve essere presente. Non serve "spruzzare" delle pareti... serve avere il substrato umido. Questo per quanto riguarda l'umidità. La ventilazione è molto importante, per evitare muffa ecc

 

Un tripudio di foglie finte e corteccia (le Scolopendridae amano nascondersi) è doveroso per quanto riguarda il set up.

 

Per le temperature, Io onestamente a 24° - 25° C (Giorno) offrendo un 'drop' notturno a 20° C non ho mai avuto nessun tipo di problema. Ho sempre avuto esemplari attivi (per quanto possano essere attive le Scolopendridae una volta che hanno la 'panza' piena, ah ah) e mute senza problemi di sorta. Indipendentemente dalla specie in questione, Asiatiche come Americane (logicamente i parametri relativi all' umidità cambiano).

 

Per quanto riguarda il 'lifespan', purtroppo non ho belle notizie... non vivono esattamente tanto come certe Theraphosidae 0.1 del genus Grammostola, in tal senso. Comunque poi dipende anche da tanti altri fattori, non dimentichiamoci che il 95% delle Scolopendridae in vendita sono esemplari di cattura, e non da cattività.

 

Non hanno il mercato che hanno le Theraphosidae... molti sono titubanti ad acquistarle (sono letteralmente maestre della fuga, hanno un veleno potente e un temperamento difensivo ecc) ecco perchè quasi nessuno si prende la briga di riprodurle in cattività: è più facile importarle, alla fine.






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi

Copyright © 2017 Your Company Name