Vai al contenuto

IPB Style© Fisana
 

Foto

Philaeus chrysops


  • Per cortesia connettiti per rispondere
27 risposte a questa discussione

#1 DeemWak

DeemWak

    Lasiodora

  • Utenti
  • StellettaStelletta
  • 71 messaggi

Inviato 16 ottobre 2010 - 17:44

CLASSIFICAZIONE:

Sottordine: Araneomorphae
Gruppo: Entelegynae
Famiglia: Salticidae
Sottofamiglia: Plexippinae
Nome scientifico: Philaeus chrysops (Poda, 1761)

DISTRIBUZIONE:

E’ segnalato in tutta l’ecozona paleartica.

ABITUDINI:

P.chrysops, così come la quasi totalità dei Salticidae, è un ragno attivo principalmente durante le ore diurne.
Solitamente P. chrysops abbandona il rifugio notturno al mattino quando il sole comincia a diffondere un leggero tepore, permettendogli di cacciare insetti o altri ragni che capitano nelle vicinanze del suo rifugio. Quando il sole è troppo forte invece il ragno tende a rifugiarsi all’ombra in cerca di un po’ di refrigerio, per poi riprendere la sua attività quando la luce solare si fa meno diretta e potente.
Come per quasi la totalità dei Salticidae, la tecnica di caccia adottata da questo ragno prevede l’attacco diretto tramite un piccolo e rapido balzo sulla preda individuata grazie alla sua eccellente vista. Il ragno tende ad avvicinarsi il più possibile alla preda riducendo la velocità di approccio man mano che si avvicina. Tendenzialmente, se l’ambiente circostante lo permette, l’agguato avviene in linea retta. Qualora le circostanze lo richiedano, il P. chrysops è capace, mantenendo il contatto visivo, di adottare leggere deviazioni tramite movimenti laterali o salti su superfici non complanari a quella di stazionamento della preda.
Inoltre le tecniche di attacco variano in base al tipo di preda, che principalmente viene classificata in base alla dimensione: le prede molto piccole rispetto al ragno vengono attaccate, con sicurezza e velocità, tramite un cortissimo scatto finale; prede di dimensioni più ragguardevoli, addirittura più grandi del ragno stesso, vengono invece attaccate da distanza più grande tramite un balzo poderoso dopo un avvicinamento lento e cauto.
Da notare che questa specie presenta anche una reattività estremamente elevata che permette al ragno in questione di catturare raramente delle prede anche in volo.
P. chrysops tesse un filo di seta che fa aderire ad una superficie prima di compiere un balzo, in modo da garantirsi una specie di corda di sicurezza con la quale proteggersi da eventuali salti mal calibrati.
I ragni di questa specie entrano in diapausa quando le temperature diventano rigide le quali provocano anche una riduzione del numero di prede.

AGGRESSIVITA’ E VELENO:

P. chrysops è un ragno assolutamente innocuo, che potrebbe comunque mordere se messo alle strette. Grazie all’ottima vista un esemplare di questa specie tenderà a scappare via se si sente minacciato. Il morso tuttavia non ha rilevanza medica.
Questo ragno, come praticamente la totalità dei ragni, si mostra particolarmente aggressivo nei confronti di insetti e altri ragni che vengono considerati una minaccia; il fatto curioso sta nel fatto che questa famiglia è molto tollerante nei confronti dei propri conspecifici: infatti una femmina gravida o che protegge le proprie uova, difficilmente ucciderà un maschio intenzionato ad accoppiarsi, ma si limiterà ad assumere una posizione di minaccia, contraddistinta dall’allargamento della prima coppia di zampe, dei pedipalpi e dei cheliceri.


VELOCITA’ DI CRESCITA E DIMENSIONI:

Vivendo solitamente per un anno soltanto, P. chrysops ha un metabolismo piuttosto veloce, coadiuvato dal clima caldo dei mesi primaverili ed estivi durante i quali esso è più attivo. Non è raro infatti trovare femmine all’inizio dell’autunno, maturate velocemente in due o tre mesi dalla nascita. I maschi invece maturano tutti dopo la diapausa invernale.
Le dimensioni medie di questa specie si aggirano attorno a 10mm di corpo, con minimi di 7-8 e massimi di 14-15 per i maschi più grandi. A differenza di altre specie, infatti, non è raro che il maschio raggiunga dimensioni maggiori delle femmine.

DESCRIZIONE:

P. chrysops è ritenuto, non a torto, uno dei ragni saltatori più belli d’Europa. In particolar modo il maschio si presenta, una volta adulto, con un cefalotorace nero lucido con due bande laterali bianche o giallastre, l’opistosoma rosso sgargiante con una marcata banda centrale nera che percorre longitudinalmente l’intero addome sul lato dorsale, la prima e la seconda coppia di zampe ricoperte da una peluria rossa mentre le altre due coppie sono grigio-giallastre, ed infine con pedipalpi setolosi di colore grigio cenere. La prima coppia di zampe inoltre è più lunga delle altre ed ha scopo anche riproduttivo, essendo usata per il corteggiamento.
La femmina di questa specie si presenta di color grigio-giallastro, presentando anch’essa bande più chiare sul lato del cefalotorace ed una banda più scura sul dorso dell’opistosoma. A differenza del maschio, le zampe sono più proporzionate tra loro.
Si capisce quindi che questa specie presenta un dimorfismo sessuale evidentissimo.
I ragnetti di prima muta (L1) invece hanno due macchie nere che coprono quasi l'intero cefalotorace, situate nella zona dei quattro occhi laterali. La parte superiore del'opistosoma è grigiastro con striature meridiane più scure. La parte inferiore è grigia, le zampe grigio cenere e i pedipalpi biancastri. La peluria sotto gli occhi frontali che copre parzialmente i cheliceri è anch'essa biancastra come i palpi.
Alla muta successiva l’aspetto cambia: ad L2 i ragni differiscono da L1 ovviamente per l’aumento di dimensioni (3mm di corpo), ma anche per il colore dell’addome che cambia da grigio chiaro a giallo con striature marroni. La colorazione L2 si mantiene pressoché stabile sino allo stadio di giovane che viene raggiunto attorno a L5. A questo stadio i ragni presentano una colorazione grigio-marrone chiaro uniforme con striature sull'addome a lisca di pesce, colorazione che tende a diventare sempre più grigia negli stadi successivi.
Come tutti i Salticidae, P. chrysops presenta i due occhi mediani anteriori più grossi dei rimanenti sei. Questi occhi sono deputati alla visione dettagliata di un soggetto mentre gli altri occhi servono da recettori di movimento. Quindi la vista per questi ragni è indispensabile sia per cacciare, sia per riconoscere un eventuale partner.
Basare la propria strategia di sopravvivenza sull’efficienza del proprio apparato visivo comporta però dei compromessi. Infatti questi ragni non sono capaci di cacciare e accoppiarsi al buio (anche se sono stati osservati dei casi eccezionali), per questo sono da considerarsi dei ragni diurni obbligati.

ALLEVAMENTO:

Riguardo all’allevamento in cattività, P. chrysops è un soggetto ideale da allevare per una serie di motivi, tra i quali spiccano la sincronia con l’attività umana e la bassa esigenza di condizioni climatiche particolari.
In linea di principio un P. chrysops sfrutta tutto lo spazio che ha a disposizione, esplorando il terrario alla ricerca di prede o di un rifugio adatto per mutare o deporre le uova (nel caso di femmina gravida). Essendo, come già descritto, estremamente attivo e mobile un terrario ideale per un esemplare adulto può tranquillamente misurare 15x15x25h senza mettere in difficoltà il ragno, esaltandone, al contrario, le qualità di saltatore e predatore d’agguato.
Il substrato da utilizzare può essere come al solito la torba, ma può anche terra mista a ghiaia/sabbia può andare bene, basta metterne 1 cm o 2 sul fondo del terrario col principale scopo di fornire un punto di ancoraggio per rametti o supporti di vario genere, i quali hanno invece molta importanza poiché il ragno tenderà a muoversi su di essi.
L’unico problema al quale si deve prestare un minimo di attenzione è la manutenzione del terrario stesso. Essendo estremamente attivi i P. chrysops tenderanno a ricoprire velocemente di tela la maggior parte delle pareti e superfici del terrario, arrivando ad ostacolarsi nei salti e nei movimenti. Quando si nota che il ragno presenta difficoltà nell’inseguire la preda sarà il momento di fare un minimo di manutenzione, asportando la tela in eccesso (facendo attenzione a non distruggere il nido notturno) e gli esoscheletri delle prede consumate con uno spiedo o altro bastoncino simile.
Una volta alla settimana è conveniente nebulizzare su di una parete del terrario, preferibilmente alle prime ore del mattino simulando la rugiada, per permettere al ragno di bere.
Durante il periodo che precede la muta, si potranno osservare alcuni fenomeni che è bene cogliere per evitare di stressare l’animale:

1) Rifiuto di prede con tentativi di fuga inspiegabili
2) Infittimento del bozzolo notturno
3) Inscurimento della parte ventrale dell’addome

Solitamente queste tre fasi, dette di premuta, possono durare da 2 giorni per gli esemplari più giovani, fino ad una settimana nel caso di ultima muta per la maturazione sessuale.
Una volta che il ragno ha mutato deve reintegrare i liquidi poiché questo processo ne comporta un notevole dispendio. Si deve quindi nebulizzare una piccola quantità d’acqua direttamente sul bozzolo oppure sulle pareti del terrario.
Per quanto riguarda invece la nutrizione è bene distinguere tra quattro stadi di crescita:

- Sling 1-2L: da nutrire principalmente con Drosophila melanogaster o con grilli appena nati.
- Sling 3-5L: è possibile passare a prede più grandi, tipo Drosophila hydei, giovani grilli o tisanuri.
- Giovani: si può passare alle mosche domestiche o insetti volanti di taglia adeguata.
- Subadulti e Adulti: si possono fornire anche mosconi e grossi insetti alati come sirfidi, falene di dimensioni anche maggiori rispetto al ragno stesso.

La cadenza dei pasti può essere decisa in base alle esigenze di crescita che si vuole ottenere. Solitamente per gli slings si adottano dei regimi alimentari più serrati che vanno via via a calare con la crescita del ragno e, di conseguenza, con l’aumentare della consistenza delle prede fornite. Si può inoltre distinguere il caso delle femmine gravide, che è bene nutrire giornalmente al fine di permettere un buon sviluppo delle uova.

RIPRODUZIONE:

La riproduzione di questa specie non presenta particolari problemi. È infatti sufficiente porre il maschio nei pressi della femmina affinché instauri un contatto visivo con essa. Il maschio comincerà una sorta di corteggiamento muovendo le zampe frontali, i pedipalpi e facendo vibrare l’addome. Se la femmina è recettiva ed interessata all’accoppiamento ritrarrà le zampe al cefalotorace, oscillando leggermente l’addome e permettendo al maschio di avvicinarsi e di accoppiarsi.
Dopo l’accoppiamento, la femmina si alimenterà il più possibile, sfoggiando un appetito pantagruelico, al fine di produrre le uova. Quando la femmina sarà poi in procinto di deporre ampierà il nido per poi rinchiudersi dentro. Dopo un paio di giorni essa deporrà le uova ricoprendole successivamente con un fitto strato di tela. Dal momento della deposizione, sono solitamente necessarie un paio di settimane per la schiusa. Si potranno notare le ninfe all’interno del cocoon, muoversi saltuariamente. Dopo una o due settimane ancora, le ninfe compiranno la prima muta e, successivamente, i neonati lasceranno il nido della madre che ricomincerà a cacciare ed a nutrirsi.
Le femmine di questa specie, una volta accoppiate con successo, possono produrre fino a tre ovisacchi fertili, arrivando a morire durante l’ultima covata.

#2 Henry

Henry

    Enrico Simeon

  • Amministratori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3673 messaggi

Inviato 16 ottobre 2010 - 17:53

Bella scheda :4fuu9h1: complimenti :)

#3 DeemWak

DeemWak

    Lasiodora

  • Utenti
  • StellettaStelletta
  • 71 messaggi

Inviato 16 ottobre 2010 - 17:59

Per merito anche delle tue correzioni.
Comunque grazie!

#4 Bomba

Bomba

    Lupo

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2716 messaggi

Inviato 17 ottobre 2010 - 06:53

Complimenti! Bella scheda dettagliata ed esauriente :4fuu9h1:
"Non è la più forte delle specie che sopravvive, né la più intelligente, ma quella più reattiva ai cambiamenti". (Charles Darwin)

#5 aracnojak

aracnojak

    Citharischius ScAzZaTus..

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3246 messaggi

Inviato 18 ottobre 2010 - 17:24

Scheda davvero copiosa di informazioni, complimenti per lo sforzo .

Ciao
NO ALLA TESSERA DEL TIFOSO !!

"una volta che hai beccato un paio di pugni e ti rendi conto che non sei di vetro,non ti senti vivo finchè non ti spingi fino al tuo limite".HoOLiGaNs.

#6 valerio

valerio

    Theraphosa

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 229 messaggi

Inviato 18 ottobre 2010 - 18:05

azz,non l'ho vista  :blink:

complimenti,mi serve sicuramente,peccato per la mancanza di foto  :blush:

#7 00xyz00

00xyz00

    Haplopelma hainanum User

  • Amministratori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6213 messaggi

Inviato 19 ottobre 2010 - 20:42

Bene bene bene, mi sono ritagliato un momento di tranquillità per leggere la scheda, e devo dire che è veramente ben fatta. E sono molto felice che un utente iscritto da cosi poco abbia voluto regalarci una scheda su un bel Salticidae. Grazie!! Esempio da seguire...

Ci sono due o tre cose su cui vorrei puntare l'attenzione.

ABITUDINI:
Da notare che questa specie presenta anche una reattività estremamente elevata che permette al ragno in questione di catturare raramente delle prede anche in volo.


Quel "raramente" cosa significa, che lo fa raramente, o che raramente ci riesce? In questo secondo caso andrebbe a contrastare con l'elevata reattività annunciata. :blush: Riformulerei la frase per renderla piu esplicita.

VELOCITA’ DI CRESCITA E DIMENSIONI:

Vivendo solitamente per un anno soltanto, P. chrysops ha un metabolismo piuttosto veloce, coadiuvato dal clima caldo dei mesi primaverili ed estivi durante i quali esso è più attivo. Non è raro infatti trovare femmine all’inizio dell’autunno, maturate velocemente in due o tre mesi dalla nascita. I maschi invece maturano tutti dopo la diapausa invernale.
Le dimensioni medie di questa specie si aggirano attorno a 10mm di corpo, con minimi di 7-8 e massimi di 14-15 per i maschi più grandi. A differenza di altre specie, infatti, non è raro che il maschio raggiunga dimensioni maggiori delle femmine.


Aggiungerei, se ne sei a conoscenza, tutti quei dati riguardanti la nascita, lo sviluppo, il periodo dell'accoppiamento e della deposizione, in modo da toccare brevemente tutte le tappe della loro esistenza.Credo ad esempio che sia importante indicare almeno quando si schiudono i cocoon e quando avviene l'accoppiamento o la deposizione (in natura eh...so bene che dopo ne hai parlato nella sezione apposita, ma li non fai riferimento a stagioni o mesi dell'anno, piutttosto all'accoppiamento in allevamento.)

Questo giusto per migliorare ancor di piu la gia ottima scheda, che son certo finità - se Lorenzo vorrà - sul sito statico.

Inoltre ricordo che le schede sono sì frutto del lavoro di singoli utenti ma che ognuno può contribuire con osservazioni o foto. Quindi chiunque avesse ad esempio belle foto della specie in questione (e mi riferisco ai bravi fotografi che sono su queste pagine) potrebbe benissimo aggiungerle qui e sarà mia premura inserirle nel primo post della discussione.

Grazie ancora Lorenzo  :blink:

La cosa più bella che possiamo sperimentare è il Mistero; è la fonte di ogni vera arte e di ogni vera scienza.
Un Essere che non conosce questa emozione, che è incapace di fermarsi per lo stupore e restare avvolto dal timore reverenziale, è come un Morto.
                                                                                                         (Albert Einstein)


#8 madalina.ciulei

madalina.ciulei
  • Utenti
  • 1 messaggi

Inviato 27 giugno 2012 - 22:55

Se vi interessano, ho io delle foto più chiare del nostro amico!

#9 00xyz00

00xyz00

    Haplopelma hainanum User

  • Amministratori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6213 messaggi

Inviato 29 giugno 2012 - 23:19

Postale pure. :4fuu9h1: Se son valide potremo usarle per la scheda sul sito web.

La cosa più bella che possiamo sperimentare è il Mistero; è la fonte di ogni vera arte e di ogni vera scienza.
Un Essere che non conosce questa emozione, che è incapace di fermarsi per lo stupore e restare avvolto dal timore reverenziale, è come un Morto.
                                                                                                         (Albert Einstein)


#10 lupetto

lupetto

    Grammostola

  • Utenti
  • Stelletta
  • 17 messaggi

Inviato 12 novembre 2012 - 19:02

le foto non sono granchè ...una delle 2 è quella dell'avatar ma penso che posso metterla lo stesso sono dell'estate 2011



Immagine inserita
Immagine inserita

#11 elleelle

elleelle

    Xenesthis

  • Curatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3022 messaggi

Inviato 12 novembre 2012 - 22:00

Mi sembra interessante accennare al comportamento dei maschi, che si affrontano in combattimenti ritualizzati senza farsi del male.
E' un comportamento poco comune tra i ragni .....


Gli uomini spesso inciampano nella verità, ma, di solito, si rialzano e continuano per la loro strada (W. Churchill)


#12 elleelle

elleelle

    Xenesthis

  • Curatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3022 messaggi

Inviato 12 novembre 2012 - 22:27

Per le foto, ne metto a disposizione qualcuna delle mie, fatte in natura a Tolfa (Roma). :)
Vedete se possono servire ....

2016_03_18-21_27_41_7014e.jpg




2016_03_18-21_28_49_66eed.jpg




2016_03_18-21_29_57_d24c8.jpg




2016_04_05-08_04_54_6ba34.jpg





2016_03_18-21_30_52_6f167.jpg


 


Gli uomini spesso inciampano nella verità, ma, di solito, si rialzano e continuano per la loro strada (W. Churchill)


#13 AnDrO

AnDrO

    Xenesthis

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1692 messaggi

Inviato 12 novembre 2012 - 22:38

Video interessantissimo, e foto bellissime elleelle! :sisi: In questi combattimenti ritualizzati, chi ha la meglio di solito, i maschi di dimensioni maggiori? Un'altra curiosità: nel video è presente un terzo maschio che sembra fare da "spettatore". Che ruolo svolgeva di preciso, aspettava il suo turno per combattere?
Non credo nella luna, per me è il retro del sole...

#14 elleelle

elleelle

    Xenesthis

  • Curatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3022 messaggi

Inviato 12 novembre 2012 - 22:42

E, per non farci mancare niente ....... :)

(portate pazienza per le voci in sottofondo :blush: . C'erano due tipi che commentavano continuamente, ma non li potevo cacciare via, per dovere di ospitalità ..... :nono: )



Gli uomini spesso inciampano nella verità, ma, di solito, si rialzano e continuano per la loro strada (W. Churchill)


#15 elleelle

elleelle

    Xenesthis

  • Curatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3022 messaggi

Inviato 12 novembre 2012 - 22:50

Video interessantissimo, e foto bellissime elleelle! :sisi: In questi combattimenti ritualizzati, chi ha la meglio di solito, i maschi di dimensioni maggiori? Un'altra curiosità: nel video è presente un terzo maschio che sembra fare da "spettatore". Che ruolo svolgeva di preciso, aspettava il suo turno per combattere?


Purtroppo ne so quanto voi e anche i miei compagni di escursione sono rimasti un po' sorpresi da questo comportamento (e se erano sorpresi loro ..... :blush: :nono: ).
La mia impressione è che i due maschi in lotta fossero praticamente identici; forse ha prevalso il più determinato. Il comportamento del terzo maschio è strano. Non si capiva con chi si voleva confrontare. Ad un certo punto, come si vede, è saltato addosso al maschio che poi è risultato vincente, ma lo ha solo "abbracciato" per un attimo con le zampe senza morderlo. Sconcertante, se pensiamo a quanto sono aggressivi (e aracnofagi) gli individui di questa specie!

Gli uomini spesso inciampano nella verità, ma, di solito, si rialzano e continuano per la loro strada (W. Churchill)





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi

Copyright © 2018 Your Company Name